FLORIDA

Se dico “Florida” il primo posto a cui tutti penseranno è sicuramente Miami; ovvero l’Ocean Drive tra i suoi mille colori, le feste e i locali. Ma la Florida è molto di più e nei miei soggiorni non mi sono semplicemente soffermata a Miami ma ho visitato anche Everglades, Orlando, Captiva Island, Key West…ovviamente On The Road!! Come primo punto mi sento di consigliarvi il noleggio di un mezzo di trasporto (macchina o moto in base ai gusti). Avere possibilità di movimento senza restrizioni permette di poter raggiungere tutti i luoghi d’interesse senza perdita di tempo e per quanto mi riguarda ho sempre utilizzato la compagnia di noleggio Alamo su www.rentalcars.com/it . I taxi sono costosissimi e gli autobus nonostante siano numerosi e a poco costo li terrei in considerazione per le brevi distanze considerando che il costo del carburante e del noleggio rispetto all’Italia è notevolmente vantaggioso.

ORLANDO:

Orlando è conosciuta dai turisti per le numerose attrazioni, in particolare: Universal Orlando, Magic kingdom, Epcot e Seaworld. Anche per i parchi consiglio l’acquisto online dei biglietti sempre per ammortizzare il tempo di attesa agli sportelli d’entrata. Sappiate che verrete controllati e verrà chiesto di mostrare l’interno di zaini e borse. Non portate bottiglie di vetro, oggetti appuntiti, taglia unghie o cose simili perché verranno sequestrati. E’ una bellissima città assolutamente rivalutata, ci sono così tante cose da fare che c’è l’imbarazzo della scelta. A questo proposito voglio suggerirvi un alloggio strategico che vi permetterà di raggiungere gli Universal Studio in soli dieci minuti di camminata ad un prezzo ragionevole .  http://www.monumentalmovielandhotel.com/ . Oltre ai parchi per passare piacevoli giornate e serate c’è Downtown Disney. Un complesso di negozi, ristoranti e locali per l’intrattenimento situato presso il Wall Disney World Resort a Lake Buena Vista. Quando ci sono stata io c’era la possibilità “a pagamento” di salire sulla mongolfiera, ti portavano ad una certa altezza, rimanevi li per qualche minuto e poi ti facevano scendere.  https://disneyland.disney.go.com/destinations/downtown-disney-district/ . Tra i vari ristoranti mi sono piaciuti il Planet Hollywood ispirato al famoso mondo di Hollywood lanciato con il sostegno di attori famosi e Rainforest Cafe particolarmente adatto ai bambini ma l’ambientazione è così bella che ci vanno grandi e piccini. Sei immerso nella foresta con tanto di cascata, animali che si muovono meccanicamente e all’entrata bellissimi acquari tondi colmi di pesci tropicali colorati.

Universal Studio: il mondo fantastico che ti proietta dentro un film. Prendere l’Hogwarts Express al binario 9 e 3/4 e ritrovarsi in Diagon Alley nel mondo di Harry Potter è semplicemente stupendo. Solo questa attrazione ripaga il biglietto e proprio per questo motivo consiglio di tenerlo come primo punto da fare onde evitare code troppo lunghe durante la giornata. I giochi sono due, uno all’interno del castello di Howards e l’altro all’interno della Gringotts Bank…veramente spettacolari!!!!  Ho suddiviso il parco in due giorni perchè merita di essere visitato bene: primo giorno all’Island of Adventure e il secondo giorno all’Universal Studio.

universal orlando

A me è piaciuto tutto… spettacoli, parate, giochi (da fare assolutamente i Minion) ed anche il cibo. Ho bevuto la burrobirra, ho mangiato nella locanda The Great Feast nell’area Harry Potter e l’hamburger da Moe’s nell’area Simpson….entrambi riprodotti fedelmente come nel film e nel cartone animato.Ovviamente non mancano i negozi a tema e in Diagon Alley mi sono fatta tentare…ebbene si ho acquistato la bacchetta di Harry Potter con tanto di mappa che illustra i punti in cui posizionarsi e i movimenti da eseguire per far scattare sensori che creano “magia”. All’esterno la serata prosegue anche dopo la chiusura… tra concerti dal vivo e locali. Se volete cenare tra questi… il mio consiglio si sposta su Hard Rock Cafe e Margaritaville.

Magic Kingdom:  se come me sceglierete Orlando durante il periodo natalizio sappiate che sarete immersi tra i bellissimi addobbi e spettacoli che i parchi Disney offrono con tanto di fuochi d’artificio in un clima soleggiato e caldo. Che dire…Disney è sempre Disney non puoi non andarci!! Ho passato una giornata meravigliosa, ho preso il treno che percorre tutta l’area del parco, il battello a vapore, percorrendo tutte le aree suddivise in sei settori: Main Street USA, Adventureland, Frontierland, Liberty Square, Fantasyland, Tomorrowland. Tra giochi, risate e intrattenimento mi è rimasta impressa per l’accuratezza dei dettagli “Haunted Mansion” ovvero la casa degli spiriti. Per ogni attrazione c’è sempre un po di fila da fare quindi conviene avere pazienza e individuare quelle che più interessano. Punti di ristoro ce ne sono in abbondanza e per tutti i gusti, per la mia cena ho scelto il buffet al The Crystal Palace che è risultato un po troppo caro rispetto alle informazioni che ci erano state date all’ingresso del ristorante. Il prezzo del buffet era 19$ a persona, ci hanno fatto accomodare al tavolo e portato da bere, ad un certo punto tra i tavoli hanno iniziato a passare i pupazzi del cartone animato Winnie The Pooh per fare fotografie. Presi dal divertimento abbiamo fatto 3/4 scatti con il cellulare e abbiamo continuato la nostra cena, pronti per i fuochi d’artificio abbiamo chiesto il conto ed insieme è arrivata anche la “bastonata” da 108$. Non ho voluto fare domande e visto la bellissima giornata ho lasciato stare ma se dovessi ritornare a mangiare li mi informerei meglio per evitare di pagare una cifra cosi alta. Conclusione della giornata con spettacolo di ghiaccio “Frozen” al castello Disney….emozionante!!

20141227_21340520141227_192639

Epcot: incentrato sulla tecnologia e innovazione definito come: “fiera permanente del mondo”, suddiviso in due principali aree tematiche: Future World e World Showcase. Future World è costituito da una serie di padiglioni che esplorano aspetti e applicazioni innovative tra cui la tecnologia e la scienza. Serve anche come ingresso principale del parco nel quale si trova la Spaceship Earth, una grande sfera geodetica che ospita un’attrazione a tema all’interno. Tra tutte le interessanti attrazioni una in particolare voglio citare: Soarin, prendere il volo come su di un deltaplano e sorvolare alcune delle meraviglie del mondo, vento tra i capelli, vista mozzafiato in un’avventura esaltante immersi in un’esperienza multisensoriale con suoni spettacolari e profumi sottili. World Showcase è la riproduzione di alcuni paesi del mondo, tra cui puoi trovare piazza San Marco e mangiare la pizza, bere un tè in una tipica costruzione giapponese oppure mangiare messicano vicino a un tempio Maya. Meravigliosi i fuochi artificiali finali sul lago!!

soarin-at-epcot

 

CAPE CANAVERAL, NASA:

Il Kennedy Space Center, abbreviato anche con “KSC” è la maggiore destinazione turistica della Florida, qui potrai rivivere l’emozione del primo passo sulla superficie lunare avvenuto il 20 Luglio 1969, osservare il più grande razzo mai volato e toccare un frammento di roccia lunare. Ma non solo, Shuttle Launch Experience ricrea per i visitatori i suoni e i luoghi di un lancio nello spazio con orbita attorno alla terra a bordo di uno space shuttle, l’IMAX theater per rivivere in 3D le immagini mozzafiato e l’invio di astronauti sul pianeta Marte ed ottenere il punto di vista di un astronauta nello spazio mentre osserva la terra. La parte finale del percorso riguarda lo Space Shuttle Atlantis, uno dei tre shuttle rimasti dopo il disastro dello Space Shuttle Columbia, l’Atlantis è stato utilizzato anche in parecchi film cinematografici come Deep Impact e Armageddon, qui racconteranno tutta la storia della sua costruzione e qualche aneddoto sullo studio della tecnologia utilizzata.  Posso solamente aggiungere che è stata una giornata “spaziale”, arricchita da nozioni interessanti e gadget acquistati.

 

MIAMI:

Miglia e miglia di spiagge bianchissime, locali che si affacciano sugli ampi viali costellati di palme altissime e una movida notturna tra le più scintillanti del mondo. Al di la dei suoi famosi grattacieli, la città conserva anche numerose case e hotel in stile Art Decò degli anni venti rappresentando cosi un pezzo della storia dell’architettura del XX secolo. Posizione favorevole e clima tropicale fa si che a Miami Beach l’estate si vive tutto l’anno. Tra i vari quartieri da scoprire c’è Little Havana, nato nel 1980 quando 120000 esuli cubani sbarcarono sulla costa della Florida. Oggi la metà degli abitanti del quartiere parla esclusivamente spagnolo; la via principale è Calle Ocho dove c’è un susseguirsi di caffè e locali che diffondono per strada musica di Salsa e Merengue. Da non perdere i bellissimi murales lungo gli 8,42Km di quartiere. Se ci si vuole riposare, una sosta divertente potrebbe essere all’ombra di un albero al Domino Park ad osservare i tanti giocatori. Mangiare sull’Ocean Drive non è del tutto conveniente, essere sulla via principale si fa pagare ed è tipicamente turistico tanto che in alcuni ristoranti ti parlano italiano. Io preferisco immergermi nella cultira del posto in cui vado e ricercare luoghi particolari dove poter assaggiare nuovi sapori. A questo proposito, il mio ristorante preferito è l’Oh Mexico sull’Espanola Way; piatti squisiti e abbondanti a buon prezzo. Per quanto riguarda lo shopping ci sono molti negozietti carini per acquistare souvenir, ma gli acquisti migliori li ho fatti al Dolphin Mall (all’incirca 30Km a ovest di Miami Beach) dove potrete trovare marchi come Ugg, Victoria’s Secret, Pink, Bath & Body Works, Levis e tanto altro con sconti e promozioni. Tra spiaggia e passeggiate suggerisco di prendervi un paio d’ore e salire sulla Duck Tours, partendo dal cuore di South Beach ci si sposterà tra i punti più spettacolari di Miami fino ad entrare nella baia di Biscayne ad osservare in primo piano le molte case dei ricchi e famosi sull’isola delle star. Se come me vi troverete a Miami per festeggiare il capodanno le opzioni potranno essere diverse; cenare in qualche ristorante sull’Ocean Drive e festeggiare in qualche locale, andare ad un concerto rock al Seminole Hard Rock Hotel & Casino o come ho preferito io al Bayside Marketplace (porto di Miami) ad ascoltare concerti dal vivo, mangiare in uno dei tanti ristoranti o fast food a prezzi convenienti ed osservare i fuochi d’artificio con tanto di gigantesco conto alla rovescia proiettato su un grattacielo.

EVERGLADES:

L’Everglades paludosa subtropicale chiamata “il mare d’erba” è un parco nazionale protetto a 40 minuti di macchina da Miami. Salire sull’Airboat guidato dal ranger è stato mille volte più emozionante di come pensavo. Ti permette di vedere un’infinità di alligatori molto da vicino compreso le mamme con i loro cuccioli che li per li trasmettono molta tenerezza, poi però pensi che quando cresceranno diventeranno predatori spietati. P.S.: visto il contesto ho voluto assaggiare l’hamburger con carne di alligatore nel chiosco all’interno del parco.

KEY WEST:

Isola situata nel punto più a sud degli Stati Uniti, clima caraibico e destinazione turistica molto popolare per turisti e luogo di pesca per americani. La città si raggiunge percorrendo l’Overseas Highway, spettacolare autostrada statunitense di 205,2 km che prolunga la U.S. ROUTE  1 attraverso l’arcipelago Florida Keys, distendendosi fra l’oceano atlantico e il golfo del Messico tra natura selvaggia e viste indimenticabili. Partendo da Miami si attraverserà Key Largo e una serie di isolette, per tutto il tragitto si avrà come panorama l’oceano avendo la sensazione di guidare sull’acqua. Come luoghi di interesse troviamo la casa di Hemingway, visitabile tutti i giorni dalle 9 alle 17. Qui scrisse “Addio alle armi” e “Verdi colline d’Africa”. Mentre come escursioni è possibile prenotare un tour per Dry Tortuga, isola scoperta dal famoso esploratore Juan Ponce de Leòn e parco nazionale statunitense dove è possibile fare snorkeling tra acque limpide caraibiche e tartarughe giganti. Sull’isola è anche presente il Fort Jefferson, fortino del 1800 utilizzato come prigione federale. Consigliatissimo il ristorante “Two Friends” per assaggiare una buonissima aragosta a soli 19$ e tanti altri gustosissimi piatti tipo polpette di granchio. Non mancano negozi e bancarelle dove poter acquistare oggetti molto carini anche fatti a mano e immancabile l’acquisto della famosa maglia con la stampa “0 mile” che indica appunto che è il punto più a sud degli states.

CAPTIVA ISLAND:

Ho scoperto quest’isola mentre guardavo una trasmissione televisiva “i ristoranti più pazzi del mondo” e presa dalla curiosità l’ho inserita nel mio itinerario di viaggio per andarci. Situata poco lontano dalle coste del golfo del Messico a sud-ovest della Florida Captiva Island è meta turistica soprattutto di americani. Località tranquilla, spiagge meravigliose, piste ciclabili e tantissima natura incontaminata. Il ristorante che mi ha portata qui si chiama “Bubble Room” ed è veramente il ristorante più pazzo e bizzarro che abbia mai visto. Il locale è completamente zeppo di giocattoli, quadri, lucine colorate, pupazzi meccanici, trenini, acquari, jukebox e tutto ciò che può venirti in mente li c’è. Si mangia in un’atmosfera di allegria e divertimento, un’esperienza particolare e unica! Attenzione alle porzioni veramente esagerate….

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...